Le recensioni veraci di Gianluigi Repetto

Oggi inauguriamo una nuova rubrica che vedrà lo scrittore Gianluigi Repetto nelle vesti di lettore e recensore.

giardiniere-tenace

IL GIARDINIERE TENACE

Titolo originale: The constant gardener (2001)

di  John Le Carrè

pagine: 520

Editore: Mondadori

Togliendo le parti inutili, i soliloqui di personaggi che non portano a nulla e descrizioni particolareggiate di luoghi o cose ininfluenti, la storia si riduce a non più di 150 pagine. Perché accada effettivamente qualcosa bisogna attendere almeno un centinaio di pagine.

Il titolo, oltre a essere cacofonico almeno per me, è fuorviante. Il protagonista è incapace nella vita precedente la sua personale tragedia e in quella successiva di influenzare ed essere protagonista della sua esistenza; non riesce a suscitare né simpatia né compassione. Finale triste di Orwelliana memoria.

Leggere questo libro, opinione strettamente personale, è una perdita di tempo.

Voto: 5,5/10

 Recensione di: Gianluigi Repetto   repetto2 
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...