Sancte Socrates, ora pro nobis

Socrate è stato un filosofo greco antico, uno dei più importanti esponenti della tradizione filosofica occidentale, nato ad Atene nel 469 a.C. In quegli anni Atene, dopo la definitiva vittoria sui Persiani nella battaglia del fiume Eurimedonte, conobbe il suo massimo splendore con l’età dell’oro di Pericle.

socrate1

Socrate non ha lasciato nulla di scritto e il suo pensiero filosofico ci arriva dai suoi discepoli, Platone su tutti. Ciò nonostante egli è unanimemente riconosciuto come il padre fondatore dell’etica o filosofia morale. Per le vicende della sua vita e della sua filosofia che lo portarono ad essere processato e condannato a morte, Socrate è stato considerato, dal filosofo austriaco Theodor Gomperz, il primo martire occidentale della libertà di pensiero.

Già… la libertà di pensiero. In teoria e in via ufficiale noi oggi godiamo di questa incommensurabile libertà. Ma ne usufruiamo davvero? Oppure siamo come i buoi che, condizionati a restare per tutta la vita nella stalla, non escono neppure quando la porta viene aperta?

I mass media, con la televisione in testa a spada tratta e i deliranti messaggi che ci arrivano dalla pubblicità ottenebrano i cervelli delle masse, ne inibiscono le facoltà di discernimento e di critica. Ecco che comincia l’ennesima edizione (mi vanto di non sapere il numero) del grande fratello (l’assenza di maiuscole è voluta) e se ne parla ovunque, tanto che perfino coloro che, come me, non seguiranno MAI (ora il maiuscolo ci voleva) una tale immonda schifezza vengono sporcati dalla nefanda notizia. Purtroppo l’infausto irreality show non è solo: c’è l’isola dei famosi (famosi???), ci sono i talk show farseschi e tanto altro a togliere alle persone la capacità di pensare (=discernere, decidere, criticare, scegliere). A cosa serve dunque essere liberi di uscire dalla stalla se non si comprende nemmeno il significato di una porta spalancata?

Come era solito dire il grande teologo e umanista olandese Erasmo da Rotterdam, “Sancte Socrates, ora pro nobis” (Santo Socrate, prega per noi).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...